Per fissare un appuntamento

telefonare ai seguenti numeri:

06-5742237 – 06-5742385

CAM e vaccinazioni

Negli ultimi tempi si è venuta a creare in Italia una situazione complessa attinente alla pratica vaccinale . Notizie su possibili effetti hanno determinato una tendenza rilevante all’astensione, portando il livello di copertura per alcuni tipi di vaccini al di sotto del 95%, con conseguenze evidenti come la ricomparsa di malattie oramai in via di scomparsa, come il Morbillo. Il fenomeno ha indotto le istituzioni sanitarie a misure di difesa della pratica vaccinale, come la propedeuticità dei vaccini per la iscrizione alle scuole e sanzioni nei confronti dei medici contrari alle vaccinazioni . E’ opinione diffusa che i medici critici nei confronti dei vaccini siano soprattutto i medici che praticano le Medicine Complementari Alternative(CAM) e in particolare l’Omeopatia. Proprio per quanto riguarda l’Omeopatia, sui sacri testi non si trova traccia concreta di contrarietà della dottrina omeopatica nei confronti della pratica vaccinale, addirittura Hahnemann, fondatore dell’Omeopatia, aveva elogiato Jenner per aver introdotto il vaccino per il vaiolo! Unica considerazione da parte dell’Omeopatia è che i vaccini, come d’atronde i farmaci chimici in generale se usati in modo eccessivo, possono avere come effetto indesiderato quella che viene definita “sicotizzazione”, ovverosia una modifica della reattività dell’organismo orientandola verso la cronicizzazione.
La profilassi delle malattie infettive in Omeopatia può avvenire attraverso due tipi di impostazione, la Omeoprofilassi e la Isoprofilassi o Isoterapia : la Isoterapia in particolare, che consiste nella somministrazione di parti dell’agente infettivo diluite secondo la modalità omeopatica, si ricollega in definitiva alla pratica vaccinale convenzionale. Nessuna delle due pratiche , Omeoprofilassi e Isoterapia, ha ottenuto conferme di efficacia[ 1] . Approfondendo gli aspetti legati all’atteggiamento dei medici omeopati nei confronti dei vaccini emergono però dati interessanti: Eizayaga e coll con una indagine condotta con questionario , riporta che il 75.6% dei medici omeopati ritiene i vaccini utili , efficaci e sicuri e questo parere è diffuso soprattutto tra i medici che lavorano nel pubblico e tra coloro che non praticano l’omeopatia come unica attività professionale [2] Questo lavoro e’ stato lo spunto per valutare l’atteggiamento dei pediatri italiani praticanti le CAM nei confronti dei vaccini.
Abbiamo pertanto distribuito un questionario ottenuto dalla letteratura (Eizayaga) e in parte modificato per le nostre esigenze, ad un gruppo di pediatri praticanti le CAM e ad un gruppo di pediatri di famiglia non praticanti le CAM, 50 e 50 medici per gruppo, con domande orientate a stabilire il loro atteggiamento nei confronti dei vaccini.

Soltanto 2 (4%) dei pediatri CAM sono assolutamente contrari ai vaccini, 48 (96%) non sono contrari, di questi 48, 11 (23%) sono favorevoli a tutti i vaccini previsti dal piano nazionale, 25 (52%) a buona parte di essi indicando delle priorità, 12 (25%) non hanno fornito indicazioni. Nessuno dei pediatri di famiglia si è dichiarato contrario ai vaccini, 36 (72%) sono favorevoli a tutti quelli previsti, 14 ( 28%) a buona parte di essi.

Quindi soltanto una piccola percentuale dei pediatri praticanti le CAM è contraria ai vaccini, i rimanenti sono favorevoli indicando delle priorità a seconda della rilevanza della singola malattia infettiva. Favorevoli a tutti i vaccini il 23% dei pediatri CAM e il 72% dei pediatri di famiglia.

Bibliografia
1. Teixeira MZ. Isoprofilaxis is neither homeoprofilaxis nor homeopathic immunization, but isopathic immunization unsupported by the homeopathic epistemological model: a response to Golden. Int J High Dilution Res 2014; 13(46): 54-82.
2. Eizayaga JE, Waisse S. What do homeopathic doctors think of vaccines? An international online survey. Homeopathy 2016; 105: 180-185.

I commenti sono chiusi